Home - Mostra Permanente "I colori dell'acqua"
  • PDF
  • Stampa
  • E-mail

Mostra Permanente "I colori dell'acqua"

San Pietro

La chiesa di San Pietro è situata in pieno centro storico, in Piazza Castello, un toponimo che rimanda all’antico Castellum de Atissae citato nel Chronicon Farfense in un atto di donazione dell’829. La struttura domina l’articolato impianto elicoidale del quartiere medioevale di Tixa, uno dei due borghi che, con Ate, contribuì alla formazione della città di Atessa. Gli elementi degli stipiti del piccolo portale trilitico che adorna la facciata, semplice e pulita, ne tradiscono stilisticamente l’ascendenza medioevale.

L’edificio, più volte rimaneggiato, subisce una radicale ristrutturazione sotto il prevosto Antonio Di Luca di  Chieti, che guidò la prepositura atessana negli anni 1467-1490.

Anticamente retta da un curato, poi proprietà della famiglia La Furia e, per ultimo, della famiglia Serafini, la chiesa, negli ultimi decenni del XX secolo, è stata acquisita dal comune di Atessa e ristrutturata come sala polifunzionale.

Dal 2010 è sede della Fondazione MusAte che ha curato l’allestimento, al suo interno, della mostra permanente “ I colori dell’acqua”, comprendente 120 quadri che artisti contemporanei hanno prodotto come omaggio a Giò Pomodoro, in occasione dell’inaugurazione della fontana ideata dal grande scultore ed installata nel 2004 in Piazza Oberdan.

Tutti gli arredi sacri della chiesa di San Pietro, tra cui statue, candelabri, oggetti ed una grande pala d’altare del baroccco napoletano (XVII sec.) sono conservati presso la chiesa ed il convento di San Pasquale a Vallaspra.